Ottobre 2019. L'intervento del presidente

  Aggiungi ai preferiti
5 Ottobre 2019
di Marco Lami

Con l’inizio dell’anno scolastico sono partite due iniziative di grande significato per Unicoop Tirreno. Cominciamo da un anniversario: il 40° dell’Educazione al Consumo Consapevole nelle scuole.

Tante attività organizzate da tutte le Cooperative, in collaborazione con gli Istituti scolastici di tutti i territori in cui opera Coop, coinvolgendo decine di migliaia di alunni, insegnanti e famiglie, ormai da 40 anni appunto, a testimonianza della credibilità del progetto e del suo valore culturale. Un progetto che vuole contribuire a formare nei futuri cittadini-consumatori una consapevolezza, profonda e critica, sulle caratteristiche dei prodotti in ogni loro aspetto e sulle conseguenze che ogni atto d’acquisto può comportare sull’ambiente che ci circonda.
Nei primi anni Ottanta l’obiettivo dell’Educazione al Consumo Consapevole era di concentrare l’attenzione sui valori intrinseci dei prodotti, evitando di farsi condizionare dai messaggi pubblicitari. Poi Coop in più di 30 anni si è battuta sui temi della tutela ambientale, dall’eliminazione del fosforo nei detersivi alla riduzione dei pesticidi fino “all’acqua di casa mia”.

Oggi diventa centrale la sostenibilità e l’adozione di un corretto stile di vita e di consumo, come sta a dimostrare il tema della plastica, di cui tanto si parla, e su cui Coop ha avviato una campagna, dicendo stop alla vendita di quella monouso in tutti i suoi punti vendita. Quest’evoluzione si è sempre rispecchiata nelle nostre molteplici attività di Educazione al Consumo Consapevole, che hanno avuto e hanno come filo conduttore – voglio sottolinearlo – la formazione, attraverso le scuole, gli insegnanti, le famiglie, di una coscienza critica nei giovani cittadini-consumatori.

Per questo di grande importanza anche l’altro progetto a cui mi riferivo all’inizio, in corso in questi giorni nei nostri negozi e in programma fino al 1° dicembre: Coop per la Scuola 2019 #ambientefuturo – questo il suo nome che lega strettamente tre parole chiave: scuola, ambiente e futuro – consentirà, tra le altre cose, di acquisire ogni 15 euro di spesa un buono scuola con cui gli Istituti scolastici dei vari territori che hanno aderito avranno la possibilità di ricevere materiali utili per la loro attività, premi di un catalogo pensato ad hoc che vanno da matite e pennarelli alle lavagne multimediali interattive.

Per aiutare e stare vicini alle scuole e perché anche sui banchi di scuola si può imparare il rispetto dell’ambiente, da cui passa il nostro futuro e quello del pianeta che abitiamo