Ambiente di studio. Arriva Coop per la scuola #ambientefuturo

  Aggiungi ai preferiti
Anche sui banchi di scuola s’impara a rispettare l’ambiente.Un progetto, molti premi, un catalogo ad hoc, tutto in un’iniziativa.

La meta da raggiungere sono la scuola, i ragazzi e la loro crescita. Dietro ci sta un mondo: quello cooperativo, gli insegnanti, le famiglie, i soci e i clienti Coop. Tutti possono portare il loro contributo a un’iniziativa di respiro nazionale che si pone l’obiettivo di sostenere le scuole dei diversi territori e di diffondere i temi più importanti della vita di tutti i giorni.

Coop fa scuola
Coop per la Scuola 2019 #ambientefuturo è la nuova iniziativa di Coop a cui possono partecipare tutte le scuole di ogni ordine e grado. Quest’anno un filo conduttore unico, l’ambiente, e un progetto didattico ad esso legato, 3R: riduzione, riuso, riciclo, coerente con la strategia di Coop e dei suoi prodotti a marchio. Ad arricchire l’iniziativa, i premi per coloro che raccolgono i bollini, realizzati seguendo la regola delle 3R  (vedi sotto) da una marca nota agli studenti, Smemoranda, e i dialoghi animati di Makkox, fumettista e blogger, che raccontano l’impegno di Coop per l’ambiente.
«Per Unicoop Tirreno da sempre impegnata in attività a favore della scuola e dell’ambiente, anche con l’esperienza quarantennale dei progetti di Educazione al Consumo Consapevole, è l’occasione per rispondere alle esigenze della scuola moderna e di promuovere progetti di sensibilizzazione delle nuove generazioni», afferma Marco Lami, presidente della Cooperativa.

Istruzione per l’uso
Ma scopriamo il ruolo che ciascuno può svolgere nell’ambito di questa iniziativa.

Coop
Il progetto Coop per la Scuola ha la durata di 12 settimane, in tutti i negozi a partire dal 9 settembre. A fronte di ogni 15 euro di spesa da parte di soci e clienti, è prevista una doppia erogazione di buoni e bollini: un bollino per la collezione “personale” che permette di ottenere un premio, l’altro è un buono che potrà essere donato alle scuole (registrate al progetto) per il ritiro dei premi inseriti in un catalogo ad esse dedicato. Nell’erogazione dei bollini sono presenti anche dei prodotti acceleratori, indicati sui volantini nel corso delle settimane.
Scuole
Gli istituti, previa registrazione al progetto, hanno l’opportunità dal 9 settembre al 1° dicembre di raccogliere i buoni e richiedere gratuitamente i premi del catalogo 2019: matite, pennarelli, risme di carta ViviVerde, colla, plastificatrice, la robotica educativa con Codey Rocky, kit percussioni e tanti altri premi fino agli attrezzi per lo sport, arredi per le classi, lavagne multimediali interattive e videoproiettori, monitor e microfoni, gite e viaggi d’istruzione.

Gli insegnanti di tutte le scuole (non solo di quelle registrate) possono inoltre accedere, sempre gratuitamente, a un progetto educativo ricco di materiali e risorse multimediali, concepiti per sensibilizzare gli alunni all’importanza di prendersi cura del mondo che ci circonda e sviluppare l’interesse, il rispetto e il senso di responsabilità attiva nei confronti dell’ambiente.
A loro disposizione supporti come una piattaforma digitale, app e social media, un kit cartaceo, giochi didattici, laboratori.

 

Pezzi da collezione
Con la raccolta dei bollini i premi ecosostenibili di Smemoranda.

Smemoranda ha realizzato i premi della collezione, tutti completamente in materiali ecosostenibili ottenuti dal riciclo delle bottiglie in PET. Per ottenere i premi basta fare la raccolta dei bollini, inserirli sulla cartolina presente nei negozi e completare l’acquisto con un piccolo contributo economico: da un minimo di 3,50 euro per l’astuccio multiuso a un massimo di 19 euro per il borsone weekend.   I premi possono essere richiesti fino al 15 dicembre 2019.

 

  • Astuccio multiuso 10 bollini
  • Portadocumenti 25 bollini
  • Marsupio 30 bollini
  • Zaino tempo libero 35 bollini
  • Utility bag 40 bollini
  • Zaino porta Pc 50 bollini
  • Borsone weekend 60 bollini

Tutti i dettagli su www.coopperlascuola.it

 

La regola delle 3R
Un percorso didattico per sperimentare l’importanza di riduzione, riuso e riciclo.

Per dare una mano all’ambiente basta una lettera, la R moltiplicata per 3. Un gioco da ragazzi che, grazie al progetto didattico 3R: riduzione, riuso, riciclo, possono imparare divertendosi e sperimentare progetti che li mettono in stretto contatto con la natura.
Dal punto di vista didattico gli studenti possono apprendere i fondamenti del rispetto dell’ambiente: dal consumo consapevole al corretto utilizzo delle risorse, dall’impatto sull’ambiente di quello che quotidianamente consumiamo all’impoverimento del territorio che ne consegue fino a comprendere i danni dell’inquinamento e della cementificazione.
Quest’approccio, grazie al materiale fornito e ai laboratori tematici, permetterà loro di conoscere e sperimentare, sotto forma di gioco, le regole del riciclo, ma anche di diventare protagonisti di esperienze con cui impareranno a prendersi cura della Terra e a migliorare il mondo intorno a loro.